Le meravigliose spiagge e calette di Sant’Antonio a Ibiza

Sant Antoni de Portmany è uno dei luoghi più conosciuti dai turisti europei e sai perché? Beh guarda le foto delle sue meravigliose spiagge e ti renderai conto che non poteva essere altrimenti.

Platja des Pinet - Foto Bettney

L’isola di Ibiza, nell’arcipelago delle Baleari, ha delle spiagge magnifiche che si estendono per un totale di 18 chilometri; ce ne sono più di 50, ognuna con una propria peculiarità, da quelle più rinomate e attrezzate dove divertirsi in spiaggia sugli scivoli ad acqua e poter praticare in mare qualsiasi sport desideri, a quelle più nascoste e selvagge, raggiungibili magari a piedi dopo aver fatto sentieri poco battuti che offrono la possibilità di scovare autentici angoli di paradiso.

♥ Guarda anche i migliori 6 appartamenti a Ibiza che abbiamo recensito

Le spiagge di Sant’Antonio

Sant’Antonio e una delle località più conosciute dal turismo Italiano e europeo non solo per il suo uovo ma soprattutto per la bellezza del mare e per gli spettacolari tramonti che regala.

Statua a forma d’uovo con un buco nel quale è collocato un modello della Santa María. Eretta nel 1990 in onore dello scopritore dell’America, che secondo una leggenda sarebbe nato sull’isola d’Ibiza. Da allora, è il simbolo più importante del paese.

L’area attorno a Sant’Antonio (Sant Antoni de Portmany), nella zona ovest di Ibiza, può vantare tra le più belle spiagge dell’isola, ma se cerchi un po’ di tranquillità durante la tua vacanza a Ibiza, qui ci sono anche delle graziose e piccole calette, circondate da rocce e vegetazione tipica della macchia mediterranea dove le uniche cose da fare sono ammirare il mare, rilassarsi sotto al sole e aspettare il tramonto, sempre molto affascinante e romantico.

Il golfo di S. Antonio si estende oltre Punta des Moli da dove comincia una zona che presenta minore urbanizzazione, ma non per questo meno turistica.

♥ Leggi anche: Dove dormire a Ibiza strutture e zone più consigliate

Platja des Pinet, la spiaggia più organizzata

Platja des Pinet – Foto Bettney

Platja des Pinet, a 3 chilometri da Punta des Moli è sicuramente la più organizzata, con dei bar dove si può mangiare qualcosa, lettini, ombrelloni e molteplici possibilità di svago.
Ci si può cimentare nello sci acquatico, oppure divertirsi su di un gommone a forma di banana gigante, trainato da una moto d’acqua che parte a velocità impressionanti e alla prima curva scaraventa tutti in mare; da maggio ad ottobre è aperto anche un complesso di acqua scivoli ubicato direttamente sulla spiaggia.

Port des Torrent, piccola ma bella

Port des Torrent – Foto guendra

Senza spostarci dalla baia di S. Antonio troviamo Port des Torrent, piccola spiaggia che si trova alla foce di un piccolo fiume stagionale, da qui il suo nome. Per molti mesi all’anno è frequentata esclusivamente dai pescatori, ma in estate è comunque apprezzata ed affollata.

♥ La bellezza delle spiagge ti ha convinto a passare una vacanza a Ibiza? Allora ti potrebbe aiutare questo articolo dedicato agli appartamenti a Ibiza da prenotare subito

Cala Salada e la sua sabbia dorata

Cala Salada – Foto anroir

Se Platja des Pinet risulta troppo turistica e rumorosa e si è in cerca di un luogo un po’ solitario ma sempre e comunque di estrema bellezza, Cala Salada farà al caso tua.

Piccola caletta nascosta da colline steppose, con la sabbia dorata e un mare stupendo, dove l’antropizzazione è pressoché nulla; infatti le uniche costruzioni sono le capanne dei pescatori, che a dire il vero non disdicono affatto con l’ambiente circostante, ma anzi, con i caratteristici tetti in paglia si armonizzano perfettamente con il paesaggio.

L’altro piccolo edificio presente è un ristorantino “Cala Salada” che nei mesi estivi è sempre aperto, mentre nei mesi invernali riduce l’apertura solo al fine settimana in quanto molto apprezzato tra la gente locale per la sua specialità: i frutti di mare.

Incamminandosi verso nord, prendendo un sentierino che costeggia le capanne dei pescatori, si può raggiungere un’insenatura ancora più intima e selvaggia.
Volendo i più esperti e temerari possono cimentarsi in una bella nuotata e raggiungere comunque questo luogo.

Cala Bassa: la spiaggia più famosa di Sant’Antonio

Cala Bassa – Foto Simoncini

Una delle più note spiagge nei pressi di Sant’ Antonio è Cala Bassa, raggiungibile con 25 minuti di bus o, col medesimo tempo, prendendo un traghetto da S.Antonio stesso.

Si trova in una baia dalla ricca vegetazione che fa scudo a 250 metri di sabbia finissima che lambisce un mare tranquillo e limpido in cui ci si può divertire con lo sci d’acqua o con il gommone a forma di banana trainato da un’acqua scooter.

Da qui si gode anche di un bel paesaggio sulle verdi colline di tutta la parte nord-ovest di Ibiza e sulla frastagliata costa di Cap Nuno’.

♥ Ogni parte di Ibiza ha la sua particolarità. Se vuoi prenotare un soggiorno ad Ibiza prima devi capire che tipo di vacanza stai cercando. Ti potrebbe essere utile capirlo da qui: Consigli su dove alloggiare a Ibiza

Cala Comte: il paradiso

Cala Comte – Foto Fernández

Da Cala Bassa, percorrendo un sentiero di circa tre chilometri, si arriva a Cala Comte, tra le migliori dell’intera isola.
Spiaggia stupenda ed acqua cristallina fanno di questo luogo un autentico paradiso, dove, dopo una giornata di riposo e relax, ci si può rifocillare nel ben fornito cafè-ristorante sul lungomare da cui si possono ammirare fantastici tramonti.

Cala Comte è accessibile sia via mare, con traghetti da S.Antonio che impiegano circa 35 minuti, sia via terra, sfruttando gli autobus che in 25 minuti ci permettono di arrivare in una delle più belle spiagge dell’isola.

Cala Compte è una baia suddivisa in 2 calette, una delle quali è frequentata da nudisti; questa è molto ben attrezzata, con un grazioso chiringuitos (così si chiamano un po’ in tutte le zone costiere della Spagna i tipici bar che sorgono proprio sulla spiaggia) dove ci si può rinfrescare con una buona bibita oppure mangiucchiare qualcosa.

Le isolette S’Illa des Bosc e Conillera

Proprio dinnanzi a Cala Compte troviamo s’Illa des Bosc e Conillera, due graziose isolette raggiungibili, per esperti nuotatori, anche senza l’ausilio di un’imbarcazione.
S’Illa des Bosc, dalla traduzione “isola delle foreste”, in realtà non ha più nemmeno un albero, dopo che più di un secolo fa andò tutto a fuoco a causa di un incendio e mai più rimboschita.
Attorno all’isola di Conillera aleggiano molte leggende, tra cui una sostiene che abbia dato i natali ad Annibale.

Cala Codolar

Cala Codolar

A due chilometri da Cala Compte c’è un’altra piccola baia, Cala Codolar che in estate attira una quantità di turisti impressionante, molti dei quali soggiornano nella bella struttura alberghiera che domina il golfo: Club Calimera Delfin Playa Hotel

Mare stupendo che si presta per impartire lezioni di windsurf anche ai principianti; infatti proprio sulla spiaggia ha sede la scuola di surf che per tutta l’estate anima queste tranquille acque.
Le giornate si possono chiudere in bellezza con una piacevole cenetta nel ristorante Amarant, rinomato per il pesce e in special modo per i frutti di mare.

SHARE