Le meravigliose spiagge di Maiorca e l’incredibile mare da non perdere

Le meravigliose spiagge di Maiorca assolutamente da non perdere.

Spiagge di Maiorca

In questo dettagliato articolo ti parleremo delle magnifiche spiagge di Maiorca, ma prima di procedere vogliamo suddividere Maiorca in 3 parti:

  1. Maiorca Settentrionale (Nord)
  2. Maiorca Occidentale (Ovest)
  3. Maiorca Meridionale (Sud)

1. Mare e spiagge nella parte nord di Maiorca


La parte nord dell’isola di Maiorca presenta una serie di sfaccettature che la rende molto amabile dai giovani che qui trovano località piene di bar, ristoranti e vita animata vita notturna.

Comunque anche i meno giovani possono rilassarsi in zone incontaminate, spiagge lontane dal turismo di massa, fare belle passeggiate nell’entroterra montuoso e praticare birdwatching nel Parco Naturale di S’Albufera.

Ecco le spiagge assolutamente da frequentare nella parte nord di Maiorca.

Cala Tuent, incontro tra mare e montagna

Cala Tuent – Foto Aina Vidal

Una delle spiagge più tranquille dell’isola è Cala Tuent, una piccola baia sovrastata dal monte Puig Major, il più alto di Maiorca. Qui la sabbia finissima si mescola alla ghiaia gettandosi in un mare limpido e pulito che invita a lunghe nuotate.
Si consiglia comunque di fare attenzione alle correnti che si possono incontrare se ci si allontana di molto dalla costa.

La strada per raggiungere questa località è molto suggestiva, offrendo una visuale mozzafiato e degli scorci verso il mare che ti rimangono impressi nella mente.
Il percorso tortuoso presenta molti tornanti e quindi per circa 10 chilometri bisogna avere un po’ di pazienza e moderare la velocità godendosi ampiamente il paesaggio che vi si offre dinnanzi.

Una piccola cala dalle acque color smeraldo che bagnano una piccola spiaggia di sassi davvero bella e poco frequentata.

Sa Calobra, lascia davvero senza fiato

Sa Colobra – Foto Marion

Poco distante si trova Sa Calobra, molto più turistica e trafficata rispetto alla piccola baia di Cala Tuent. Anche questa sorge in una piccola insenatura che si fa largo tra i monti per lasciare il posto ad una spiaggia e ad un mare deliziosi. Purtroppo l’eccessivo turismo ha portato ad una massiccia urbanizzazione oltre che ad un aumento dei prezzi, cominciando da quelli dei parcheggi.

Nonostante ciò tantissima è la gente che decide di visitare questo luogo, anche soltanto per un giorno, attirata soprattutto da un magnifico canyon scavato dal Torrent de Pareis.

Luogo molto suggestivo già quando si percorre la strada che scende verso la spiaggia, sembra un stretto circuito formato da tantissime curve che scendono mano mano, bisogna stare molto attenti, una volta giunti a valle si parcheggia l’auto e si prosegue a piedi, percorso veramente molto panoramico.

La spiaggia si raggiunge passando per dei tunnel scavati nella roccia. Il contesto lascia senza parole, vale veramente la pena di organizzare una giornata qui a Sa Calobra, ripagati da questo fiume verdognolo sovrastato da alte rocce, che sfocia direttamente in un mare azzurro.

Cala Sant Vicenc, colori splendidi e vista dall’alto eccezionale

Cala Sant Vicenc – Foto D. McGinlay

Una delle più belle località della zona nord di Maiorca è Cala Sant Vicenc, con un bel tratto di costa dalle costruzioni basse ed ordinate che si integrano con il paesaggio circostante. Le spiaggette sono piccole e protette dai monti, creando una zona paradisiaca non eccessivamente affollata, dove l’acqua è per lo più calma ed invita a lunghe nuotate.

Il monte che sovrasta questa baia è il Puig de l’Aguila, che con i suoi 206 metri di altitudine è facilmente scalabile, dando la possibilità di fare una bella passeggiata, anche ai meno esperti, e di raggiungere in 3 o 4 ore la vetta per godere di un panorama ineguagliabile.

Se si è appassionati di escursioni qui si possono scegliere diversi percorsi attraversando la scogliera che percorre l’intera baia.

L’importante è munirsi di una carta dei sentieri acquistabile in loco, in quanto non sempre sono ben segnalati e potrebbe essere facile perdersi nel fitto della vegetazione.

Spiaggia Port de Pollenca, sabbia fine, lettini e ombrelloni

Spiaggia Port de Pollenca

Un’altra graziosa località con la sua meravigliosa spiaggia, a Nord di Maiorca è Port de Pollenca, un luogo tranquillo lontano dagli eccessi di altre cittadine e per questo scelto soprattutto da famigliole con bambini.

Qui troviamo una spiaggia accogliente molto vasta, dove anche in piena stagione turistica è impossibile non trovare un angoletto per starsene tranquilli e rilassati a prendere il sole.

Port de Pollenca si trova nel golfo di Badia de Pollenca ed alle sue spalle è protetta da una regione montuosa che rende questo luogo ancora più carino e piacevole da visitare.

Dal porto è possibile prendere dei traghetti per raggiungere la vicina Platja de Formentor, una delle zone più suggestive di tutta Maiorca, o in alternativa ci si può imbarcare per una gita alla scoperta del bel golfo di Badia de Pollenca.

Formentor, un paesaggio da non perdere!

Formentor – Foto Neyburg

Pochi chilometri più a nord-ovest si estende la particolare penisola di Formentor, una lingua di terra di una ventina di chilometri circondata dal mare, che in estate attira una moltitudine di turisti proprio per questa sua peculiarità e per i paesaggi mozzafiato che riesce ad offrire.

Partendo da Port de Pollenca, prima di arrivare a Formentor, vale la pena fare alcune tappe lungo il tragitto.

Prima fra tutte Mirador des Colomer, dove una bella scogliera offre dei punti panoramici in cui è impossibile non fermarsi per scattare delle foto.

Platja de Formentor, tranquilla con acqua trasparente, molto rilassante

Platja de Formentor – Foto L. Forest

Dopo pochi chilometri si raggiunge la Platja de Formentor, ritenuta una delle migliori spiagge di tutta Maiorca, per la stupenda spiaggia dorata dove qua e là spuntano dei pini, ottimi per ripararsi dal sole nelle ore centrali della giornata.

Formentor si può raggiungere, oltre che con mezzi privati, anche con i bus pubblici o con i traghetti che partono da Port de Pollenca, approfittandone perciò per fare una breve gita in barca e gustarsi dei paesaggi incantevoli.

Una piacevole passeggiata si può percorrere fino al faro che svetta su di un piccolo monte chiamato Cap de Formentor. Anche da qui si può godere di un bel panorama e per chi volesse fare uno spuntino, all’interno del faro è allestito un piccolo cafè-ristorante.

PLaya de Alcudia, sabbia finissima e fondale estremamente basso

Playa de Alcudia

Tra Badia de Pollenca e Badia d’Alcudia è sorta la cittadina di Alcudia, un rinomato posto turistico dai numerosi e costosi hotels.

Port d’Alcudia ha una spiaggia tenuta molto bene; da qui si può anche fare un giretto sui due moli, uno dove attraccano imbarcazioni per le gite turistiche nella Baia d’Alcudia, l’altro dei pescatori, che in zona sono veramente tanti.

La parte costiera si estende per un lungo tratto e per non perdere l’orientamento può essere utile tenere a mente i numeri dei bar sulla spiaggia, infatti anche qui, come in altre località, questi locali hanno tutti una numerazione progressiva.


2. Le spiagge nella parte ovest di Maiorca

Lungo tutta la costa di Maiorca si può scegliere tra moltissime spiagge; se si amano i luoghi di incontro molto affollati e pieni di attrazioni turistiche la zona nei dintorni di Palma de Maiorca è perfetta, ma se invece si preferisce un po’ di relax, luoghi un po’ più incontaminati e si vuol andare alla scoperta di un’altra faccia dell’isola, la parte occidentale si presta benissimo a ciò.

Cala Estellencs, senza sabbia, solo sassi e ciottoli

Cala Estellencs – Foto: J. Mussol

Molto graziosa e poco turistica è la spiaggia di Cala Estellencs, nei pressi dell’omonima cittadina.

La si può raggiungere tramite una stradina che parte direttamente dal paese e si snoda tra belle coltivazioni di ulivi e aranceti.

La spiaggia è ciottolosa e sovrastata da un’imponente scogliera dove spesso si infrangono grosse onde, visto che spesso in questa zona il mare è alquanto mosso.

La zona è lasciata in uno stato abbastanza naturale, infatti sulla spiaggia c’è solo un piccolo bar, aperto solamente nel periodo estivo.

Decidendo di trascorrere una giornata in questa località, vale la pena fare una passeggiata tra le caratteristiche stradine della piccola cittadina che dista solo due chilometri.

Mirador de Ses Animes

Torre des Verger – Mirador de Ses Animes

Proseguendo per altri 6 chilometri in direzione di Banyalbufar, vale la pena fermarsi a Mirador de Ses Animes, una vecchia torre risalente al sedicesimo secolo costruita a scopo difensivo per controllare eventuali attacchi da parte dei pirati.

Da qui si gode di un panorama unico tra i migliori di tutta l’isola di Maiorca!

Sa Dragonera, isola incontaminata popolata da lucertole falchi e silenzio

Sa Dragonera

La parte più interessante della costa occidentale di Maiorca è sicuramente il parco protetto di Sa Dragonera. Per raggiungere questo piccolo isolotto, largo solo 4 chilometri e lungo appena 700 metri, ci si può imbarcare da Sant Elm, piccola località turistica che a dire il vero è più conosciuta come posto d’imbarco per Sa Dragonera che non per la sua spiaggia.

Sant Elm in fin dei conti non è che abbia nulla di particolare per attirare i turisti, non è particolarmente bella paesaggisticamente se confrontata con le altre magnifiche spiagge che l’isola di Maiorca ha da offrire.

Solo la presenza del piccolo porto da dove si prende il traghetto per raggiungere il parco protetto fa si che ci sia un certo via vai di gente.

La traversata è breve e il biglietto andata e ritorno non è molto esoso e sicuramente alla portata di ogni portafoglio.

Sa Dragonera

La costa più suggestiva di Sa Dragonera è quella a nord-ovest, dove una magnifica scogliera si getta nel mare che qui crea delle onde eccezionali rendendo il paesaggio veramente affascinante.


2. Le spiagge nella parte sud di Maiorca

La zona sud di Maiorca presenta diverse spiagge, alcune sono dei veri fazzoletti di sabbia dove in luglio ed agosto non si trova nemmeno un centimetro quadrato per stendere l’asciugamano, altre sono molto ampie, ma comunque sempre prese d’assalto nel periodo di alta stagione.
La zona risulta abbastanza tranquilla nonostante la massiccia presenza di cafè, ristoranti e bar che a parità di visitatori non è caotica come l’area intorno a Baia de Palma.

Due spiagge molto rinomate in questa porzione dell’isola sono Cala Gat e Platja Cala Agulla, entrambe nei pressi del piccolo centro abitato di Cala Ratjada, che da villaggio dei pescatori si è trasformato in una graziosa località turistica dove non mancano bar, ristoranti ed altre attrazioni turistiche che la rendono una meta molto desiderata.

Cala Gat, caletta piccina ma carina

Cala Gat

Cala Gat è una piccola baia caratterizzata da una spiaggia di sabbia bianca e affacciata su un limpidissimo specchio d’acqua turchese che si trova a soli 10 minuti a piedi dal paese; la spiaggia è veramente piccola in quanto la costa risulta abbastanza aspra e ricompresa tra scogli e una fitta pineta dove è difficile trovare un posticino per crogiolarsi al sole.

Nonostante questi presunti inconvenienti è sempre pieno di gente e il bar della spiaggia è ormai divenuto un luogo di incontro costante.

Per allontanarsi un po’ dal caos di Cala Gat si può fare una passeggiata verso i giardini della tenuta di Palau Joan March; oltrepassandoli e proseguendo lungo la stradina si raggiunge un promontorio, la zona più ad est di Maiorca, dove si può godere di un bel panorama che fa dimenticare il mare di gente appena lasciato nella minuscola baia.

Platja Cala Agulla, incastonata in una baia tra rocce e verde del bosco

Cala Agulla

Platja Cala Agulla invece è molto ampia rispetto a Cala Gat e anche se la massa dei turisti è sempre numerosa, un posticino per starsene tranquilli si trova sempre!

Facilmente raggiungibile con un proprio mezzo, ma anche tramite autobus o percorrendo la passeggiata lungo il mare. Spiaggia libera caratterizzata da un magnifico mare azzurro e pulito e dalla finissima sabbia bianca, dotata di un alcuni bar adatti per la ristorazione.

Comunque per chi cerca delle zone più solitarie, basta spostarsi da Cala Agulla, prendendo uno dei tanti sentierini e raggiungere le altrettante calette appartate tra le rocce; più si va avanti e meno gente si incontra, con buone possibilità di trovare il proprio angolo di paradiso lontano dal caos!

Finita la giornata di mare è piacevole passeggiare tra le strette stradine di Cala Ratjada che ha conosciuto il boom turistico degli anni sessanta, vedendo la prolificazione di strutture alberghiere, ristoranti e bar, sempre molto affollati di sera.

La spiaggia di Porto Cristo

Porto Cristo Spiaggia

La spiaggia sabbiosa si trova vicino al porto e nonostante questo risulta sufficientemente carina e aggradata dalla vista di un paesaggio particolarmente suggestivo, considerando che il mare si insinua tra due promontori rocciosi abbastanza stretti, formando quasi una V e rendendo il porto protetto da correnti.

Cala Mondragò, il mare cristallino che nasce dai boschi

Cala Mondragò – Foto fab_moisseron2

Una zona che è rimasta abbastanza integra grazie alla creazione, nel 1990, di un parco protetto, è Cala Mondragò, qui il boom degli anni sessanta aveva cominciato a deturpare le spiaggette sabbiose protette dalle scogliere, e giusto in tempo si è arrivati ad evitare ulteriori cementificazioni, con conseguente rovina del paesaggio naturale.

Cala Mondragò è un luogo molto rinomato per la tranquillità e la natura quasi incontaminata; infatti le strutture alberghiere sono moderate e perfettamente integrate in mezzo al verde.

Tutto questo fa si che i turisti sono sempre numerosissimi e per chi decidesse di prenotare all’ultimo minuto si rischia quasi sicuramente di non trovare un alloggio per dormire.
Il parco naturale comprende diverse fasce vegetative, abbracciando una zona che si estende dalla costa fino alle colline circostanti, rigorosamente ricoperte da pinete.

Poco distante dal centro abitato di Cala Mondragò c’è un punto di accoglienza del parco dove si può prendere del materiale illustrativo, quali una cartina dei sentieri, da cui però si denota la scarsa quantità di alternative e la breve distanza percorribile; infatti sono corte passeggiate di massimo una quarantina di minuti… naturalmente a piedi.

Colonia de Sant Jordi e le 3 spiagge

Platja Estanys

Poco distante da Cala Figuera si trova uno dei posti più belli di tutta Maiorca, dove le bellezze naturali si fondono con le strutture ricettive per accogliere i numerosi turisti.

Colonia de Sant Jordi è ubicata in un tratto di costa dove è un susseguirsi di baie e calette, tra cui le più note e frequentate sono:

  1. Platja Estanys, caratterizzata da sabbia finissima,
  2. Platja Es Port, che come dice il nome si trova vicino al porto
  3. Platja Es Dolc, la più grande delle tre.

A Maiorca nelle vicinanze di Colonia Sant Jordi si trova anche un’altra bella spiaggia, molto ampia, costituita da circa 4 chilometri di sabbia dorata che nel periodo di alta stagione viene presa d’assalto da una marea di turisti.

Il paesino è molto grazioso e tranquillo con dei bei viali alberati dove è piacevole passeggiare al termine di una giornata di mare.

La mappa delle spiagge di Maiorca

Video sulle spiagge di Maiorca

Prenditi 2 minuti e guarda questo meraviglioso video dedicato a questa stupenda isola delle Baleari sempre incentrato sulle spiagge.
(Piccola nota: la prima spiaggia è Cala Des Moro la terza è Playa de Muro)

Oltre a quelle citate in questo articolo ci sono altre calette molto belle e suggestive che offre Maiorca, quelle che ti abbiamo elencato qui sono le più gettonate, ma se conosci qualche altra spiaggia condividi la tua esperienza nei commenti sotto.

Oltre alle spiagge di Maiorca ti consigliamo di dare una veloce occhiata anche alle splendide foto delle spiagge di Minorca.

SHARE